Plaza de Murillo, 2
Madrid

Il Giardino Botanico di Madrid fu creato nell’ottobre del 1755 per volere di re Fernando VI, vicino alla riva del fiume Manzanares; contava circa 2000 piante, la maggior parte importate da altre regioni spagnole e da altri stati europei. Nel 1774 Carlos III spostò il Botanico nella zona del Prado, vicino al museo omonimo; i giardini furono inaugurati nel 1781. Anche in quest’occasione Carlo III si affidò all’architetto italiano Sabatini per la realizzazione dei lavori; quest’ultimo collaborò con Juan de Villanueva e costruirono tre terrazze per sfruttare al meglio il terreno a disposizione.

Dalla data della sua creazione il Botanico si è ingrandito notevolmente e ora possiede circa 30.000 specie vegetali provenienti da ogni angolo del pianeta. Si organizzano quotidianamente corsi e visite guidate. Nella serra inaugurata dalla famiglia reale nel 1993 sono stati ricreati tre climi: il tropicale, il temperato ed il desertico.

Parchi e giardini a Madrid

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata