Ratchadamnoen Nok Road
Bangkok

In Thailandia, e specialmente a Bangkok, è molto popolare la box thailandese, il cui nome originale è Muay Thai. In quest’arte marziale, una delle grandi attrazioni del Paese, si usano per l’attacco non sono le mani ma anche i piedi, le ginocchia e i gomiti.

Se sei appassionato di questo sport, internazionalmente chiamato Thai Boxing, o semplicemente sei curioso di conoscerlo, a Bangkok puoi vedere combattimenti che si svolgono tutti i giorni negli stadi di Ratchadamnoen o di Lumphini, i più antichi della capitale. Lo stadio di Ratchadammoen è stato inaugurato nel 1945 ed è stato il primo stadio di Muay Thai a Bangkok.

Anche se ha molte somiglianze con la nostra boxe, quest’arte marziale adotta tecniche differenti. La più importante è l’utilizzo di tutte le estremità e la possibilità di afferrare l’avversario, ma ci sono anche altre peculiarità nella boxe thailandese, come il complesso rituale che precede il combattimento. Il Wai Khru ram muay è un rituale simile a una danza che serve per attivare il maggior numero di muscoli possibile.

Inoltre, i combattenti indossano alcuni pezzi d’abbigliamento simbolici. Il Mongkon è una bandana speciale che rappresenta la palestra del combattente, i Pong Malai sono collane con decorazioni floreali regalati da amici e sostenitori e i Papirachat sono bracciali portafortuna.

Guida di Bangkok

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata