La Boca è stata il primo porto di Buenos Aires e, nonostante le tante inondazioni sofferte, questo quartiere è diventato la casa di molti immigrati, soprattutto italiani. Infatti, La Boca è conosciuto anche come "Piccola Italia", per le atmosfere che ricordano la nostra terra.

L’aspetto di questa zona è diverso da quello degli altri quartieri di Buenos Aires, con case basse in legno e facciate dipinte in colori accesi. Anche le colorite osterie sono tipiche della zona, con tanti ristoranti italiani e discobar.

Questo quartiere è inoltre la sede di una delle squadre di calcio più prestigiose e antiche del paese, il Boca Juniors, fondato nel 1905. Qui troviamo il suo stadio, conosciuto col nome di "Bombonera". A La Boca sono peculiari anche le strade, ancora non asfaltate, il cimitero delle barche, i silos di sabbia e i magazzini navali.

La Calle Museo Caminito è completamente pedonale e, nonostante sia lunga solo 100 metri, è una delle più frequentate di Buenos Aires. Le pareti delle case, con balconi e finestre addobbate con fiori, sono dipinte in colori vivi e decorate con murales o ceramiche. Questa strada è affollata di cantanti che interpretano i tanghi di Carlos Gardel e ballerini di milonga. Ci sono anche artisti che espongono qui le proprie opere.

Vi troviamo inoltre il Museo delle Belle Arti di La Boca, dedicato esclusivamente all’arte argentina, e il Nuovo e Vecchio Ponte Avellaneda, simbolo dell’unità della città di Buenos Aires.

Guida di Buenos Aires | Quartieri di Buenos Aires

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata