.

Semana Santa a Siviglia 2011: dal 17 al 24 aprile

La Pasqua è uno degli eventi religiosi più attesi dell’anno a Siviglia.

Durante la Settimana Santa (Semana Santa) i sivigliani si riversano in strada per partecipare alle processioni religiose in abiti tradizionali, realizzate dalle hermanades (fratellanze) e cofradías (associazioni di fedeli).
Secondo una tradizione risalente al XIV secolo, i turni delle diverse hermanades e cofradías sono definite da un protocollo chiamato Cabildo de Toma de Horas.
La carrera oficial, ovvero il percorso principale, delle processioni parte da Plaza de la Campana per concludersi nella Cattedrale di Siviglia, dove viene realizzata la stazione della penitenza. Le processioni sono decine e si celebrano ogni sera, oltre alle cofradías dell’alba del Venerdì Santo.

I nazarenos portano in braccio le immagini della Madonna e di Gesù per tutta la città. Ogni hermanadad indossa una tunica differente e tutti i nazareos hanno il volto coperto da un cappuccio a punta. Li seguono i penitentes mentre ai lati una folla di sevigliani e di turisti assistono alla processione.

Durante la Settimana Santa a Siviglia si cantano canti tradizionali, le saetas, e si mangiano piatti tipici, soprattutto a base di baccalà, e dolci come le torrijas.

Calendario date della Settimana Santa a Siviglia

Pasqua 2011: dal 17 al 24 aprile
Pasqua 2012: dall’1 all’8 aprile
Pasqua 2013: 31 marzo
Pasqua 2014: 20 aprile
Pasqua 2015: 5 aprile
Pasqua 2016: 27 marzo
Pasqua 2017: 16 aprile
Pasqua 2018: 1 aprile

Consigli di viaggio eDreams

Dall’Italia Siviglia è facilmente raggiungibile sia con voli low cost che con le compagnia di bandiera Iberia ed Alitalia. Durante tutta la Settimana Santa si possono trovare buone offerte di voli economici per Siviglia, soprattutto partendo da Venezia, Milano e Roma.

Guida di Siviglia | Eventi e attività a Siviglia

5 Risposte

  1. Anonimo

    Sono stata a Siviglia a Pasqua dell’anno scorso. È impressionante vedere le processioni della Semana Santa, non sono quelle a cui siamo abituati in Italia, sono differenti e forse un po’ macabre, per la musica, i movimenti, ecc… ma raccomando di andarci!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata