.

Plaça de la Catedral
Eivissa

A sovrastare la fortezza della Dalt Vila troviamo, oltre al Castello, la Cattedrale di Ibiza, dedicata a Nostra Signora delle Nevi, anche se probabilmente questa chiesa nel corso della sua storia di neve ne ha vista ben poca!

Costruita sulla base dell’antica moschea che, a sua volta, aveva sfruttato quella di un tempio romano preesistente, questa cattedrale mostra nella sua architettura diversi stili, anche se quello predominante è il gotico. L’opera di costruzione della Cattedrale è durata dal XIV al XVI secolo; dell’edificio gotico originario sono rimasti oggi le cappelle nelle absidi, la sacrestia e il campanile, visto che la chiesa è sta poi ricostruita nel XVIII secolo.

Degni di nota i quadri gotici di Francesco Gomes, il retablo di San Gregorio, risalente al XV secolo, e il museo della Cattedrale, con un’ampia mostra di oggetti di valore e pezzi d’arte, senza contare la splendida vista di cui si gode dalla Piazza della Cattedrale!

Guida di Ibiza

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

.

Carrer del Palau Reial 29
Palma de Mallorca

Comunemente chiamata La Seu (sede), in quanto sede della diocesi maiorchina, la Cattedrale di Santa Maria di Palma di Maiorca è uno dei migliori esempi di gotico catalano, insieme con la Cattedrale di Barcellona che ricorda in molti aspetti.

La costruzione della Cattedrale ebbe inizio nel XIII secolo su ordine del re Jaume I "il conquistatore" che sottrasse l’isola agli Arabi. La chiesa si trova sul posto in precedenza occupato dalla Moschea di Maiorca, che fu abbattuta. Con l’apporto di numerosi architetti e artisti, la costruzione fu terminata solo nel 1601, anche se era stata consacrata già nel 1347.

Tra il 1904 e il 1914, il famoso architetto catalano Antoni Gaudí diresse alcuni lavori di ristrutturazione della cattedrale. Tra gli elementi di maggior rilievo, possiamo ricordare il grande rosone, chiamato "occhio gotico", e i due portali d’ingresso, il Portal del Mirador, che dà al mare, con una rappresentazione dell’Ultima Cena, e il portale sul lato opposto, con una scultura di Guillermo Sagrera raffigurante un grande angelo con le ali spiegate.

Guida di Maiorca | Edifici storici a Maiorca

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

.

Avenida Constitución s/n
Sevilla

La Cattedrale di Siviglia è la più grande cattedrale cattolica al mondo dopo la Basilica di San Pietro nella Città del Vaticano. I lavori della sua costruzione iniziarono nel 1401, sulla base dell’antica Moschea Aljama di Siviglia, e si conclusero dopo oltre un secolo. Lo stile è tardo gotico ma ci sono influenze arabe, rinascimentali e barocche, viste le varie modifiche ed ampliamenti che si sono succedute nel tempo.

La struttura della cattedrale è inusuale, con una pianta rettangolare e ben cinque navate, di cui la più grande, quella centrale, ospita il grande coro, affiancato da monumentali organi, e la Cappella Maggiore, con un grande retablo che decora il maestoso altare.

Un discorso a parte merita la Giralda, la torre che ospita le campane, conservata dall’antica moschea e costruita nel XII secolo a immagine e somiglianza del minareto della moschea Kutubia di Marrakech. Dal 1987, la Giralda fa parte dei Patrimoni dell’Umanità riconosciuti dall’UNESCO.

Un’altra parte della cattedrale di grande interesse è il Cortile degli Aranci (Patio de los Naranjos), un cortile interno con la funzione di chiostro della cattedrale, anch’esso risalente all’epoca araba e modificato poi nel corso dei secoli.

Guida di Siviglia | Chiese a Siviglia

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

.

Plaça de l’Almoina
Valencia

La Cattedrale di Santa Maria di Valencia è una delle chiese più importanti della Spagna, ed è famosa in tutto il mondo perché al suo interno viene custodito il Sacro Calice. Costruita tra il XIII e il XV secolo, è prevalentemente in stile gotico, sebbene nella sua architettura si fondano anche elementi del romanico, barocco, neoclassico e rinascimentale, a causa del prolungamento dei lavori per la sua costruzione.

La Cattedrale di Santa Maria occupa il posto che, durante l’occupazione musulmana, era della Moschea (Mézquita) di Valencia. Le porte d’ingresso sono tutte diverse tra loro: la Porta dell’Almoina (o del Palau), in stile romanico, la Porta dei Ferri (Puerta de los Hierros), l’entrata principale, così chiamata per il cancello che la circonda, con sculture in rilievo raffiguranti la Vergine e i santi valenciani, e la Porta degli Apostoli, decorata con le statue dei dodici apostoli.

All’interno, spiccano l’Altare Maggiore, con una cupola decorata con rilievi barocchi in oro e dipinti di Francesco Pagano e Paolo de San Loecadio, raffiguranti angeli che suonano strumenti musicali; le Cappelle di Sant Jordi, della Resurrezione e la Cappella del Santo Calice, che custodisce questa importante reliquia, risalente al I secolo d.C.

Un discorso a parte merita il Miguelete, una grande torre campanaria di pianta ottagonale in stile gotico, alta 51 metri (esattamente come il perimetro), esterna alla Cattedrale ma architettonicamente unita ad essa nel XV secolo.

Guida di Valencia

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata