Agra
Uttar Pradesh

Nella città di Agra, più di tre secoli fa, fu eretto il più famoso mausoleo del mondo, il Taj Mahal. L’Imperatore Shah Jahan decretò la costruzione di questo grande monumento funerario in onore della sua sposa prediletta, Arjumand Banu Begam, morta mentre dava alla luce il 14º figlio. Nel 1983 è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Il complesso è formato da più edifici, costruiti tra il 1631 e il 1654, situati sulle rive del fiume Yamuna, ed è uno dei più mirabili esempi di architettura mongola, combinata con elementi architettonici musulmani, persi, indù e turchi.

Il mausoleo Iwan, costruito in marmo bianco e sovrastato da una grande cupola, è senza dubbio l’elemento più conosciuto del complesso, ed è considerato il gioiello dell’arte musulmana in India. In tutto il monumento si susseguono elementi decorativi come fiori di loto, guglie, fontane, bassorilievi in marmo e riproduzioni dei versi del Corano.

I giardini sono attraversati da diversi canali e sono arricchiti da viali alberati, fiori, fontane e due portali costruiti in arenaria rossa. Si dice che i giardini siano stati progettati a immagine del paradiso. All’interno del complesso furono costruiti anche altri edifici, come una moschea, il "jawab", una struttura del tutto simile a questa, probabilmente edificata per rispettare l’equilibrio architettonico del complesso, e la fortezza di accesso. Infine, fuori dalle porte del Taj Mahal troviamo vari mausolei secondari.

Guida di Delhi